Istat: cala la produzione industriale. Pil, stima secondo trimestre +0,3%

Il risultato congiunturale, spiega l’Istat, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto dell’agricoltura e di un aumento del valore aggiunto dell’industria e dei servizi.

(+5,4%), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo esclusi macchine e impianti (+3,7%) e altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (+3,7%).

“Le forti pressioni espresse con determinazione ieri dalle parti sociali a fare presto trovano dunque una conferma nella sostanziale stagnazione dell’economia italiana – si legge nella nota di Confesercenti – Bisogna uscire al più presto da questo tunnel pericoloso: è in questo momento che si devono dare segnali sul pareggio di bilancio, sull’allentamento della morsa del fisco che assedia famiglie ed imprese famiglie, sulle opere pubbliche da concludere senza indugi, sui tagli coraggiosi da fare senza assistere – conclude – al teatrino di una politica che non riesce neppure a mettersi d’accordo sulla sacrosanta abolizione delle province”.

Se si confermasse la crescita acquisita dello 0,7% – aggiunge la nota – significherebbe che almeno metà di tale crescita è semplicemente dovuta all’eredità positiva del 2010, quantificabile in poco meno di quattro decimi di punto”.

Source: Continue reading »

Istat: cala la produzione industriale. Pil, stima secondo trimestre +0,3%ultima modifica: 2011-09-02T04:11:39+02:00da fregates
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento